Come nasce un amore?

Nessuno di preciso può dirlo, nessuno, perchè ci sono amori che nascono con un solo colpo d’occhio e uno sbatter di ciglia, amori che corrono su sottili equilibri e con fugaci sguardi, amori lottati e combattuti e spesso non voluti, amori per un ricciolo rosso che nasce e, infine, amori che nascono senza un perchè.

L’unica cosa certa è che amare vuol dire lasciarsi travolgere dalla passione, senza domandarsi troppo chi sia lui o lei, senza domandarsi se sia davvero la persona più adatta ai tuoi casini mentali, senza chiedersi cosa lo o la abbia davvero portato a te e perchè, quale sia la cosa migliore per lui o lei.

Amare è un sentimento che annulla tutto quello che di razionale facciamo, che abbuia il quotidiano e l’obiettività che riusciamo ad avere, amare significa non dare per scontato alcunchè, amare sul dire trovarsi a sorridere senza un motivo o a preoccuparsi perchè qualcosa ti dice che non va.

Amare è qualcosa di travolgente e sconvolgente, che ti rende incerto e insicuro, che ti rende forte e deciso, che ti porta a fare cose che non avresti mai pensato di fare.

Amare è non vedere nessuno intorno a te, tranne i suoi occhi, anche quando tra te e lui o lei ci sono mille e ancora altri mille miglia.

Amare è cercarlo o cercarla perchè ti senti sgretolare dalla vita e solo il suo sguardo può aiutarti.

Amarti è dare a lui o lei più di quello che dai a te.

Amare è disubbidire alla consuetudine.

Amare è anarchia e irrazionalità.

Amare è la cosa più bella e complessa della vita.

Così. per dire. CJJ

+2