Meglio vivere….

Effettivamente si, mi viene da pensare se sia meglio vivere da malati per morir da sani o se convenga vivere così per morire come sarà.

Non che ciò faccia differenzq, almeno ai più, ma rimbecillirsi la mente con messaggi salutisti e precludersi le cose migliori della vita per rintanarsi nella speranza che questo ci allunghi la vita, mi fa davvero sorridere.

Vitamine, grassi, lipidi, glucosio, botta di colesterolo e chilometri zero (partendo da dove?) Sono lo slogan e mantra giornaliero.

Non fare quello, non bere quell’altro, no all’arrosto cotto bene e alla fiorentina, no alla carne rossa e meno che mai a cozze, vongole e frutti di mare, lascia perdere gli zuccheri nobili (chissà che titolo avranno) e i grassi (saturi? Ma di cosa?) insomma, dovessimo dar retta al salutismo sarebbe un mondo fatto di ….. Persone tristi.

Poi la vita ti guarda, ti fa vedere il conto, inizi a pensare che qualcosa di sbagliato devi comunque averlo fatto ed inizi a pensare che in fondo sarebbe stato meglio mangiare qualcosa di meno salutare e avere qualche sorriso in più nel volto.

Poi cammini, senti il fiatone e ti domandi come mai , ti guardi, vedi che gli anni scorrono e ti torna in mente la storia di prima , tutto fa male, tutto ingrassa, tutto uccide, tutto è da eliminare. Devo fare sport (ma quando?)

Ti difendi con un “l’importante è che mi piaccia io!” e ti nascondi dietro a “ho troppi problemi, anche questo pensiero non posso averlo” per buttarti alle spalle la realtà, guardi la bilancia sperando che le pile siano guaste e con la retorica frase “ci penso lunedì!” Abbuì ogni problema.

Ma il problema c’è, solo che non tutti possono sapere il perché e non tutti ci credono. Ed allora inizia il cammino del non accettarsi, non piacersi e del …. Ma vadano tutti in culo.

Ti guardi allo specchio non riconoscendoti, apri il guardaroba e non sai cosa prendere e in quella momento, proprio in quel momento, parte un viaggio lungo, lunghissimo,

Ti fai una cultura leggendo delle prove costume, della diete miracolose e delle diete fai da te (da me come?), poi ti guardi e sorridi,non dipende certo da cosa mangi se sei così.

Ripeti le stesse cose a chi hai vicino, non tanto per convincerli ma per assecondare la tua ira, ma alla fine devi accettarlo, c’è chi mangia un bufalo e non ingrassa, chi assimila l’aria e chi… beh ha altre motivi per essere uno yo-yo.

È domenica pomeriggio, di un pomeriggio qualunque, un pomeriggio che non ricordero, ma ho sorriso nel sentir parlare delle maniglie dell’amore e di obesità da un nutrizionista grasso, cosi come mi ha fatto pensare quanto il “lasciarsi andare” possa diventare un problema.

Ho chiuso la TV, mi sono alzato e andando alla specchio ho visto la bilancia. L’ho guardata e lei me, le ho detto che non avrei avuto il tempo per andarla a trovare, lei mi ha risposto “ben per te” sono arrivato allo specchio e pensando al nutrizionista grasso ho respirato, acceso la luce e guardandomi mi sono detto…..Che bellissimi occhi celesti!

Così. Per dire. CJJ

PS domani sarà un grande giorno per due persone. A loro vanno tutti i miei pensieri. Alla più piccola spero che le serva per diventare grande e la grande spero che capisca cosa vuol dire essere piccoli e lottare nel mondo dei giganti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: