Mese: maggio 2015

Uno spago magico!

Mira buffo, mi verrebbe da dire, ho bisogno di sapere a quanto venderlo ma non so nemmeno quanto mi costa. Davvero buffo, altrochè! Vuoi che ti aiuti? Volentieri ma solo se puoi! Posso, posso! Allora, vediamo, prendiamo uno spago… grosso o fino? che c’entra, basta sia uno spago (si inizia bene), andiamo lì, lo giriamo intorno a quella cosa là… Read more →

Sarò me, solo me, poi staremo a vedere!

Quante volte ci siamo trovati a parlare con qualcuno sapendo o intuendo, che tra quello che ci diceva e quello che pensava c’era una leggerissima differenza, ma proprio leggera? A me è capitato alcune volte e quando succede, sono combattuto nel dirglielo, cercando di capire come mai debba dirmi delle bugie o mezze-verità, o nell’assecondarlo per scorciare il discorso ed… Read more →

Orsù, ovvia e fosse vero…

Si muoveva lenta, nel suo mite paese, una persona normale, esteriormente, ma grande nel suo cuore. Jeans e maglietta, niente trine o ricami, qualche filo di perle, capelli legati a codo, mai scomposto, le mani ben curate, scarpe comode, niente tacchi, due braccialetti color dell’arcobaleno e qualche anello, niente di pacchiano; questa era lei o come lei appariva agli altri.… Read more →

Difficile, molto difficile, anzi difficilissimo

  Apri una porta, un corridoio e una luce soffusa ti permette di vedere 4 porte, due per lato.   Le guardi, non c’è targa, non c’è indicazione, non c’è niente che possa differenziarle, se non la distanza tra loro e te.  Da lontano nessun odore, nessun rumore, nessun piccolo segno, niente che le possa caratterizzare, nemmeno un piccolo, piccolissimo graffio… Read more →

Dietro a quell’isola

Ci sono miraggi nella vita di ognuno di noi, ci sono sensazioni uniche e stupende che si provano osservando una persona, un oggetto, un panorama, un’isola, ci sono momenti dove il vento sospira per non infastidirti, dove il sole abbassa la sua luce per non accecarti, dove il mare non riflette per non abbagliarti, dove la natura smorza i suoi… Read more →

Negli occhi della gente!

  Alcuni giorni fa, una persona che legge Planet mi scrisse chiedendomi come mai spesso, nei post che scrivo, mi riferissi agli occhi delle persone e cosa provassi o cosa mi trasmettessero; come se quello che io vedo nella gente non fosse qualcosa che vedono tutti.   Partendo dal fatto che non sono e non mi sento migliore di altri, speciale… Read more →

My heart will go on!

   Una email, due, facciamo tre che mi hanno disturbato e turbato, una decisione presa ed archiviata, una scelta che mi sono negato fino al mattino e obbligato nel pomeriggio perché non sempre il corpo segue il cervello, un incontro dove ho capito che la società pretende senza capire, o meglio capisce il proprio non quello degli altri, una società… Read more →